Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘necessità’

Il caso. Il destino. A prima vista: o c’è l’uno o c’è l’altro.

Ma esiste poi davvero il caso? O, viceversa: c’è un destino? Oppure, detto in altro modo: e se tutto fosse caso? O invece tutto non fosse altro che destino?

Porsi queste domande, o altre simili – sul caso e il destino – accade, capita, magari sollecitati da qualche esperienza che ci tocca. E già il dire che “capita” di porsi queste domande rende la constatazione dell’esistenza di questo interrogarsi assai curioso e interessante. Perchè, ci si può almeno chiedere, porsi la domanda se tutto sia caso o destino, accade per caso oppure è destino?

In fondo è il caso che capita. Ma pure il destino non è scelto; bensì sovrasta, incombe. E se che quello sia il nostro destino, pure questo è cosa che capita – per cui in fondo è un caso che ci sia capitato di avere questo destino – pure potremmo dire che era destino che ci capitasse di avere questo destino.

(altro…)

Read Full Post »

I: La porta aperta della Legge.

Una porta aperta, sorvegliata da un anonimo custode (Türhüter: letteralmente, un portinaio). Di là, si dice, si trova la Legge (Gesetz). Quale “legge”? “La” legge: verità assoluta, somma giustizia, senso ultimo delle cose? Non si sa. Nessuno lo sa, nemmeno il custode. Ma tutti vogliono conoscere “la” legge. Anche un uomo, altrettanto anonimo, giunto dalla campagna (vom Lande) chiede al guardiano di poter entrare, di poter avere accesso alla Legge. Ma questo non è possibile, almeno non ora; forse dopo. L’uomo prova a convincere il custode, con mezzi leciti e illeciti. Questi lascia fare e accetta tutto, ma non promette nulla né lo lascia entrare. Così l’uomo comincia anche a dimenticare perché se ne sta lì ad osservare quasi ininterrottamente il custode, perdendo di vista il senso del suo stare “davanti alla Legge”, dimentica anche che ci sono altri custodi e solo questo primo gli sembra l’unico ostacolo per accedere alla Legge. La porta davanti a lui è sempre aperta. Alla fine l’uomo venuto dalla campagna muore, ma prima di morire chiede perché nessun altro all’infuori di lui ha chiesto accesso, visto che tutti tendono alla Legge. Ma quell’ingresso era destinato a lui, e a lui solo. Quando l’uomo muore, la porta viene definitivamente richiusa dal custode.

(altro…)

Read Full Post »

Contingenze

Tutto o quasi, nelle nostre vite, ci appare contingente.

Vedere così le cose ci appare ovvio. Ma il gioco e la serietà della filosofia stanno nel discutere tutto, cioè nel provare a scuotere, per vedere se regge, tutto. E innanzitutto l’ovvio (quale altro sapere può mai prendersi carico di ciò?)

Quindi proviamo a vedere: quale è lo statuto teorico del concetto di contingenza? Da dove ci viene questa persuasione? Come la viviamo? E per davvero, o in che modo, può essere pensata, e essere, la contingenza?

Paolo

Read Full Post »