Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Bartleby’

donne-modigliani

I would prefer not to“.

Questa la frase che Bartleby – lo scrivano protagonista del celebre racconto di Melville intitolato appunto “Bartleby The Scrivener” – pronuncia immancabilmente ogniqualvolta il titolare dello studio legale per cui lavora gli chiede fare qualcosa. Questa la risposta che egli dà ogniqualvolta una richiesta qualsiasi adombra la possibilità di farlo sporgere verso il mondo, schiodandolo dalla labile forma in cui la sua evanescente esistenza si è cristallizzata nel suo essere nulla più che semplicemente fisicamente presente, senza far nulla, nell’ufficio in cui è stato assunto come copista (e dove – si scoprirà – arriverà a vivere tutto il tempo della sua giornata).

Preferirei di no“, dunque: è questo il segno in cui, in sempre più evaporante passività man man che il racconto di Melville si snoda, Bartleby concentra sè stesso. Questo l’unico segno veramente tale e suo che Bartleby depone nel mondo. L’unica sua traccia inscritta nel sistema dei segni e rimandi del mondo (tra i quali – e non è irrilevante – in primis quelli che Bartleby trascrive quando, all’inizio del racconto, ancora preferisce svolgere la sua mansione di scrivano). A tutti gli altri significati circolanti nel mondo, differenti dal suo no, indiscriminatamente Bartleby oppone solo il suo mite no irremovibile.

Scivolando sempre più, nello sviluppo del racconto, verso un’inattività totale, Barteeby sempre più consterà nell’optare per “no” in modo sempre più netto e ostinato, fino a morire alfine (nell’isolamento della prigione in cui viene portato) rifiutando il cibo (ossia rifiutando il mondo dal suo no investito)

***

Bartleby è un enigma.

(altro…)

Read Full Post »

Voglio far sì che i saggi tornino a rallegrarsi della loro saggezza e i poveri della loro povertà.

F. Nietzsche, Così parlò Zarathustra

C’è, allora, solo un personaggio letterario essenzialmente povero secondo lo standard eckhartiano: il Bartleby del commentatissimo racconto di Melville Bartleby the scribener. Uno scrivano che non vuole scrivere, cioè lavorare. Non vuole nemmeno collaborare, discutere, possedere e tanto meno essere. Nella Wille zur Unmacht del “mite” Bartleby si manifesta, pura, l’essenza della povertà, persino nel suo mite sottrarsi al linguaggio e alla comunicazione (immersa, peraltro, in atti linguistici caratterizzati da ordini, comandi, richieste, ripetute domande da parte del suo unico interlocutore, il suo datore di lavoro-avvocato-narratore). Non c’è verso di vincere la preferenza per il no (“I would prefer not to”) di questo antieroe antebeckettiano, non-scrivano, non-uomo, non-personaggio perché non-agente. La sua nullità spirituale – che è libertà dalla malattia dell’agire, dalla febbre dell’essere per il fare, mitezza senza fede – lo avvicina a un’altra grande cifra della povertà nello spirito, il non-personaggio di Die Sorge des Hausvaters di Kafka, Odradek. Come Bartleby è scandalo per il suo datore di lavoro (l’avvocato voce narrante), così Odradek, a cominciare dal nome misterioso e indecifrabile, è lo scandalo (die Sorge: tormento, cruccio, preoccupazione o cura?) del capofamiglia, lo Hausvater voce narrante del racconto di Kafka, dove il registro narrativo sta tutto nella distanza da questo «essere che si chiama Odradek» (ein Wesen, das Odradek heißt), fatto di resti, materiali di scarto: una giacenza che si ricompone e anima di una propria forma definita, «la forma che le cose assumono nell’oblio», come aveva ben osservato Benjamin. «A tutta prima potrebbe assomigliare a un rocchetto di filo piatto e a forma di stella; ed in realtà sembra anche avvolto da filo», ma Odradek non è solo un rocchetto di filo (quello con cui giocavano i bambini a quell’epoca: si ricordi il gioco del rocchetto in Al di là del principio del piacere): «dal centro della stella sporge una specie di bacchettina obliqua, nella quale poi se n’inserisce un’altra ad angolo retto». Forse «questa cosa» un tempo aveva una qualche utilità strumentale («una qualche utile conformazione»: zweckmäßige Form) e che «ora sia semplicemente rotta». Ecco: Odradek, come Bartleby, come ogni povertà in spirito, appare rotto, inattivo, impotente, inetto, perché privo di scopo, dis-utile, fuori dalle coordinate della logica dell’utile e dell’essere per il fare. E se Bartleby muore, di Odradek non sappiamo nemmeno se può morire: essendo senza scopo Odradek diventa l’eternamente ritornante; e sembrerebbe facile – persino troppo – pensare all’arcinoto Wiederkehr des Verdrängten di freudiana memoria.

Bartleby e Odradek fanno saltare il benpensato quadro razionalistico dei loro narratori – della loro “filosofia della riflessione”, che pretende di imporre la sua legge sulla cosa (Hegel docet) –, perché essi li osservano in modo contemplativo-oggettivante, dalla posizione naturalistica di meri osservatori di un’alterità che li provoca e li sconvolge, ma che anche li seduce e li interroga. Ciò nonostante, attraverso queste voci, forse resistendo ad esse, noi siamo in grado di percepire le pure essenzialità Bartleby e Odradek. Odradek – come Bartleby – è povertà strutturale, è essenzialmente, ontologicamente, povero, perché egli/esso nulla sa della sua condizione posticcia, scomposta, frammentaria che è solo un essere per altro, che tale cioè appare solo a noi, attraverso il filtro del narratore già non più onnisciente. In essi si esprime piuttosto la verità del margine, del non concettualizzabile. Una condizione che non si può cambiare, di chi non desidera, non pretende, non rivendica, non possiede nulla. Per questa via egli/esso (non cambia nulla sapere che sia un soggetto oppure un oggetto) è pura povertà in spirito – pura persuasione, dunque inettitudine – essere presso di sé. Vive Odradek? Non nel noto senso volontaristico nietzscheano. L’inetto persuaso perché mai stato attuale, ma sempre vissuto nell’impensabile pura potenzialità, non invita nessuno, non superomeggia, non pretende di essere vero o reale, non dà ad intendere che la sua è la forma di vita giusta. Il suo povero spirito è un accadere che non accade, è potenza che non passa all’atto: per non essere la violenza che ogni atto è, ritorce su se stesso la violenza della mera dynamis, del non essere in atto. Odradek, perfetta proiezione/mascheramento dell’alterità Kafka rispetto al padre e alla Legge, è un’entità che non deve essere, una dis-identità, contradictio in adjecto. Vive della sua dis-id-entità, della sua non appartenenza al mondo dei soggetti e degli oggetti in cui balena solo temporaneamente, in anfratti, passaggi, tramezzi. Eppure è in Bartleby e Odradek che traluce la speranza. Erediteranno la terra questi esseri miti senza fede, questa povertà di spirito libera dal primato del conoscere e del fare? Il loro farsi vuoti aprirà la nostra speranza? Oppure oggi, ancora, vale quanto scriveva Benjamin nel 1924: «Solo per chi non ha più speranza ci è data la speranza»?

Testi citati

W. Benjamin, «Le Affinità elettive» (1924), in Angelus Novus. Saggi e frammenti, a cura di R. Solmi, Einaudi, Torino 1995, pp. 163-243.

Id., «Esperienza e povertà» (1933), in Aura e choc. Saggi sulla teoria dei media, a cura di A. Pinotti e A. Somaini, Einaudi, Torino 2012, pp. 364-369.

Id., «Franz Kafka. Per il decimo anniversario della morte» (1934), in Angelus Novus, pp. 275-305.

F.M. Dostoevskij, I fratelli Karamazov, tr. it. di M.R. Fasanelli, Garzanti, Milano 1992.

Meister Eckhart, Sermoni tedeschi, a cura di M. Vannini, Adelphi, Milano 1985.

S. Freud, Al di là del principio del piacere (1920), in Opere 1917-1923, a cura di C. Musatti, vol. 9, Boringhieri, Torino 1977, pp. 189-249.

G.W.F. Hegel, Lezioni di filosofia della religione, a cura di S. Achella, 2 voll., Guida, Napoli 2003 e 2008.

F. Kafka, «Il tormento del padre di famiglia», in La metamorfosi e altri racconti, a cura di F. Masini, Garzanti, Milano 1974, pp. 130-132.

G. Lukács, Sulla povertà di spirito. Scritti 1917-1918, a cura di C. Tommasi e M. Stocco, Cappelli, Bologna 1981.

Id., Dostoevskij, a cura di M. Cometa, SE, Milano 2000.

H. Melville, Bartleby, lo scrivano, tr. it. di G. Celati, Feltrinelli, Milano 1991.

E. von Sydow, Die deutsche expressionistische Kultur und Malerei, Furche Verlag, Berlin 1920.

Read Full Post »