Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Politica’ Category

untitled4Il nostro tempo è tempo dell’oblio, sempre più marcato sempre più evidente, della memoria storica.

Non è cosa del tutto nuova sotto il sole: masse umane, nei secoli e nelle epoche del mondo, sono vissute prive di qualsiasi nozione storica, che non fosse forse depositata, in veste miticamente deformata (e quindi non storica), in narrazioni tramandate. Ma oggi la situazione è ben altra, nuova e diversa: la memoria storica (storiograficamente, e dunque in qualche modo scientificamente, elaborata) è disponibile in linea di principio per chiunque. Eppure le masse la storia per lo più non la conoscono. La memoria storica è perciò per lo più obliata: in questo senso essa è rifiutata. Nessuna tradizione condivisa autorevolmente tramandata peraltro supplisce più ad essa. La memoria storica perciò è bussola assente.

Bussola di cui peraltro nemmeno più si sente la mancanza. Assenza che non sembra alimentare alcuna nostalgia. L’oblio della memoria sembra sia cioè anch’esso obliato.

Come forse è naturale sia se, intrecciata a tale oblio della memoria storica ad esso pure si somma, peraltro pure suffragata da ben reali motivi, una sostanziale chiusura dello spazio in cui si delinea il futuro. Per cui l’oblio della memoria storica, in tal modo, si incunea in uno spazio esistenziale asfittico, appiattito in un angusto presente, perciò incapace di percepire assenze.

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

È forse uno dei Natali più tristi degli ultimi vent’anni.

Giornali e notiziari ci danno uno stillicidio di realtà produttive apparentemente solide che collassano, delocalizzano, chiudono e basta perché non ce la fanno, disoccupazione, tagli alla sanità. Blocchi stradali, proteste antipolitici, risentimento. Ecco, soprattutto questo: risentimento. Anzi: crisi di risentimento. Ne ha parlato brevemente anche Claudio Magris sul Corriere del 20 dicembre (p. 53).

Il risentimento per quello che ci accade diventa ogni giorno di più non “la giusta ira contro la violenza subita, ira che nobilita il cuore e l’espressione”, come ha scritto Magris, ma l’acidità di stomaco di chi ha digerito male l’esser stato messo alla porta senza nemmeno rendersi conto di cosa stava accadendo.

E cosa stava accadendo? Ma “dove eravate tutti” quando il disastro si profilava, si affacciava, era pronosticato in innumerevoli scritti, talks, dibattiti? Si rincorreva forse ancora quel po’ di benessere che già sembrava potesse essere strappato via da un momento all’altro? Ma, più probabilmente, si è pensato di non pensarci affatto e si è continuato ad amare la gabbia inox mod. weber, confortevolmente chiusa dall’esterno? Ora tutto è risentimento, colpevolizzazione, nessuno si assolve: tutti avremmo fatto bene i nostri doveri etici nel migliore dei modi. Dunque sarebbero giustificati il rifiuto della rappresentanza, dei partiti, delle banche–banchieri, dell’Europa, dell’euro… Questo sa produrre la rabbia, l’indignazione, il mal di pancia, più che quella testa ben fatta (Montaigne…) che ora invece servirebbe per riprogettare il Paese Mancato o Naufragato (Crainz…): io capisco anche questi rigetti, ma non riesco a solidarizzare fino in fondo con essi. Il mondo è ingiusto, ma a me pare che a molti andasse bene così fin l’altro giorno, almeno finché l’ingiustizia toccava più agli altri che a me…

Alle haben Recht, niemand ist gerecht. È sempre la guerra con l’altro: quando invece dovremmo guardarci dentro e riflettere su come facilmente possiamo diventare i peggiori nemici di noi stessi e di quegli altri a cui invece potremmo aprirci.

Il principio speranza non è il fallire meglio dei pop filosofi difensori delle cause perse. È invece l’unico senso che si può ancora aprire in un presente reificato e desertificato proprio nelle sue migliori speranze. Ma per mobilitarlo occorre non il rigurgito del risentimento, quanto una nuova grammatica del pensiero e dell’esistere, che liberi il nostro dire e il nostro fare dall’idea che il mondo è fatto così e noi non ci possiamo fare quasi niente (se non, appunto, abitarlo come un uccelletto reboriano la sua gabbia, sperando che “il padrone” gli porti da mangiare).

Ecco allora una domanda filosofica, redentiva, natalizia perché generativa:

Che ne è del mondo se un altro mondo non è possibile? Ma non è possibile o, più semplicemente, non ancora accessibile alla nostra coscienza storica? Non è qui, allora, che deve nascere un nuovo pensiero, un nuovo modo di essere individui, di pensare e vivere la socialità, di praticare quotidianamente razionalità e giustizia come la nostra vera seconda natura?

Proviamo a immaginare e a dire che un altro mondo è possibile. Per cambiare veramente e non a rigurgiti di risentimento. E, soprattutto per non ricadere più in quello di prima.

Un sereno Natale ai lettori di Prismi.

Alessandro Bellan

Read Full Post »

Pubblico qui un articolo di Goffredo Parise tratto dalla rubrica che lo scrittore tenne sul “Corriere della sera” dal 1974 al ’75 (ora nella bella antologia a cura di S. Perrella, Dobbiamo disobbedire, Adelphi 2013). L’articolo, che apparve il 30 giugno 1974, è un piccolo gioiello di stile e di pensiero di questo autore sovranamente libero e alieno da tutte le chiese e i salotti dell’apartheid politico italiano, e rappresenta oggi forse più che allora una staffilata alla nostra inerzia materiale e morale. Non mi sembra inoltre privo di qualche collegamento con le riflessioni sulla povertà che Alessandro Bellan ha recentemente condotto su questo blog.

Goffredo Parise scrive a macchina«Questa volta non risponderò ad personam, parlerò a tutti, in particolare però a quei lettori che mi hanno aspramente rimproverato due mie frasi: «I poveri hanno sempre ragione», scritta alcuni mesi fa, e quest’altra: «il rimedio è la povertà. Tornare indietro? Sì, tornare indietro», scritta nel mio ultimo articolo.

Per la prima volta hanno scritto che sono “un comunista”, per la seconda alcuni lettori di sinistra mi accusano di fare il gioco dei ricchi e se la prendono con me per il mio odio per i consumi. Dicono che anche le classi meno abbienti hanno il diritto di “consumare”.

Lettori, chiamiamoli così, di destra, usano la seguente logica: senza consumi non c’è produzione, senza produzione disoccupazione e disastro economico. Da una parte e dall’altra, per ragioni demagogiche o pseudo-economiche, tutti sono d’accordo nel dire che il consumo è benessere, e io rispondo loro con il titolo di questo articolo.

Il nostro paese si è abituato a credere di essere (non ad essere) troppo ricco. A tutti i livelli sociali, perché i consumi e gli sprechi livellano e le distinzioni sociali scompaiono, e così il senso più profondo e storico di “classe”. Noi non consumiamo soltanto, in modo ossessivo: noi ci comportiamo come degli affamati nevrotici che si gettano sul cibo (i consumi) in modo nauseante. Lo spettacolo dei ristoranti di massa (specie in provincia) è insopportabile. La quantità di cibo è enorme, altro che aumenti dei prezzi. La nostra “ideologia” nazionale, specialmente nel Nord, è fatta di capannoni pieni di gente che si getta sul cibo. La crisi? Dove si vede la crisi? Le botteghe di stracci (abbigliamento) rigurgitano, se la benzina aumentasse fino a mille lire tutti la comprerebbero ugualmente. Si farebbero scioperi per poter pagare la benzina. Tutti i nostri ideali sembrano concentrati nell’acquisto insensato di oggetti e di cibo. Si parla già di accaparrare cibo e vestiti. Questo è oggi la nostra ideologia. E ora veniamo alla povertà.

Povertà non è miseria, come credono i miei obiettori di sinistra. Povertà non è “comunismo”, come credono i miei rozzi obiettori di destra.

(altro…)

Read Full Post »

untitledIl conformismo1 quale lo abbiamo finora inteso, è da considerarsi una categoria approssimativa, e, secondo Anders, in fase di transizione verso uno stadio ulteriore, che egli definisce di illibertà.  Si tratta di una condizione di privazione della libertà che  segue a quella violenta e dittatoriale di cui si è fatto esperienza fino alla prima metà del ‘900. Il conformismo infatti presuppone ancora una capacità di scelta da parte di chi, per ragioni di comodo, decide di omologar-si agli imperativi morali e comportamentali dominanti; ma questo uso riflessivo del verbo perde la sua ragione di esistere, laddove più efficacemente sostituito dalla forma passiva del venire omologati, che non richiede l’intervento di alcuna decisionalità individuale.

In questo più perfetto stadio della passività, l’obbedienza come atto cosciente diviene irrilevante: di conseguenza anche le forme più esplicite di ordini e di divieti divengono superflue.2

Questo ordine della passività, che non necessita di forme esplicitamente coercitive, può facilmente assumere l’apparenza di libertà, in un perverso fenomeno per cui il costituirsi di una condizione di illibertà perfetta procede parallelo all’affermarsi dell’ideologia della libertà.   Fare luce su questa dinamica non è facile, qualcosa continua a sottrarsi ad una trasparenza del giudizio rispetto agli antagonismi in gioco: le figure del dominatore e del dominato non si delineano più con la stessa chiarezza cui eravamo abituati dalla consuetudine con la figura classica della relazione servo-signore di hegeliana formulazione.

(altro…)

Read Full Post »

Dopo il fallimento della Conferenza di Doha, vale la pena riascoltare il discorso del vecchio Pepe Mujica, Presidente dell’Uruguay, al G20 di Rio…

(altro…)

Read Full Post »

Si parla spesso e volentieri di poteri forti, di potentati e di potenti, del fatto che il Potere – inteso come una sorta di struttura impersonale e autoreferenziale – condiziona fatalmente le nostre vite. Lo si vede e lo si descrive – a seconda delle mode, delle ideologie, delle autorappresentazioni più o meno interessate – come fonte di corruzione oppure di prestigio, come l’origine di tutti i mali ovvero di tutti i beni: si ricordi la lezione di Cristo a Pilato nel Maestro e Margherita. E si conducono innumerevoli e interminabili discussioni e dibattiti su chi abbia il “potere” (in Italia, in Europa, nel mondo). Ma si evita sempre di porre la questione radicale, ovvero che cosa sia davvero il potere, e che cosa – come scrive Canetti – esso “apparecchia”. Nel suo saggio On Violence Hannah Arendt, riflettendo sulla condizione attuale della scienza politica, constatava che siamo ancora lontani dal distinguere chiaramente termini come “potere”, “potenza”, “forza”, “autorità” e “violenza”.

(altro…)

Read Full Post »

Si odono, vicini, appena al di là del Mediterraneo tamburi di guerra. A chi tende l’orecchio la guerra pare vicina, troppo vicina, a noi: nel “cortile di casa”.

Ci si accorge così che la violenza – di cui la guerra è una delle forme estreme e che mai è mancata neanche un giorno solo di fare il suo giro da qualche parte sulla Terra – riguarda il mondo in cui siamo. Riguarda dunque anche noi (può toccare anche noi): c’è, se si vuole vedere questa evidenza, nel nostro orizzonte e c’è sempre stata.

Ed è guerra, indubitabilmente guerra, nonostante i tentativi di edulcorarne la sostanza, magari cercando, ipocritamente, di nominarla altrimenti (per cui ci tocca sentir parlare di “missione di pace”, “guerra umanitaria”, “intervento d’aiuto” in difesa di questo o quello, o di questi o quei diritti inviolabili). Ma pur sempre, invece, guerra è e resta (magari al limite guerra inevitabile o guerra giusta, ma sempre guerra e violenza). E guerra rischiosa (basterebbe soltanto che una qualsiasi grande potenza si schierasse in aiuto di qualcuno che un’altra grande potenza ha invece deciso di attaccare e combattere per dare avvio ad ogni possibile effetto domino e ad esiti da apprendisti stregoni).

*****

Lontano, in Oriente, dall’altra parte del mondo, in Giappone, la terra trema, come forse non ha mai tremato. Tutto sussulta, il suolo sembra lì lì per aprirsi e inghiottire chi c’è, le pareti a cui affidiamo le sicurezze dei nostri nidi o tane vacillano, crollano. Vengono scossi, rivelandosi fragili ed impotenti, corpi esposti e inermi. E con essi, molte certezze vacillano… Poco dopo pure l’acqua, il mare, ribadiscono la potenza troppo misconosciuta della natura cieca: onde imponenti, inarrestabili, spazzano via cose, uomini, case. 

Infine, quasi trent’anni dopo Chernobyl, nei luoghi vicini ad Hiroshima e Nagasaki, ritorna a incombere, rammentandoci la sua esistenza, il pericolo atomico e della insidiosa impalpabile quasi-eterna contaminazione nucleare.

*****

Periodicamente qualcosa succede nel mondo a imporre l’evidenza dei pericoli che incombono. Qualcosa irrompe e ci induce a dover allargare lo sguardo e rivolgere l’intelligenza verso consapevolezze più lucide, sia pure anche più perturbanti e angoscianti. Lo sguardo allora può spostarsi e addentrarsi a cogliere il proprio stare sospesi, quasi sempre in attesa un po’ ottusa, sull’orlo di un vero e proprio abisso.

Come ai bordi del vulcano – luogo in cui, neanche tanto metaforicamente, in fondo stiamo – qualcosa sembra intaccare le molteplici forme del diniego in cui quasi sempre ci rifugiamo, e in cui peraltro velocemente e assai facilmente ritorniamo. Ma per un attimo almeno il velo della cecità in cui in fondo ci crogioliamo viene squarciato e ci resta comunque almeno un’eco di consapevolezza della sostanziale disinformazione a cui siamo per lo più esposti e a cui anche peraltro affidiamo gran parte del nostro proteggerci dal gettare lo sguardo sull’effettivo mondo in cui siamo.

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »